NETLOG - COSA NE RIMANE ?

Pubblicato da FLAVIO |


Ogni tanto entro in Netlog per annullare le notifiche e azzerare i messaggi
nell'unico profilo che mi è rimasto.

E ogni tanto mi capita che qualcuno me ne parli , alcune volte
con toni entusiastici. Perchè mi dicono , molte cose sono cambiate ,
la moderazione è più attiva , le schifezze non più così evidenti
oppure frequenti.

Oggi allora ho deciso di fare un bel salto per vedere quanto
abbia saputo trasformarsi quella che era la più grande community d'Italia.

Questo , è quello che ho trovato nella home


Tra i gruppi più in voga il bellissimo ragazzi e ragazze in perizoma
con imprescindibile foto profilo del gruppo


16enne che si chiama troietta_supersexy con foto opinabile



tale esibizionista per te si è iscritto ad un gruppo ( ottimo nick salva-minori )

Profili più noti : al secondo posto tale la_ragazza_nuda - 16 anni -
foto profilo in cui mostra il fondoschiena


E infine sotto i riflettori , notiamo la terza foto nella fila in alto partendo da sinistra
un bel primo piano di un membro maschile eretto sotto le mutande ...
Ah si , il proprietario del profilo ha 16 anni


Inutile dire che non ho proseguito la visita , netlog era , è e rimarrà
un sito in cui si promuove il sesso libero e la pedo-pornografia
senza che alcuna persona alzi un dito ... Nulla di nuovo sotto il sole ...


Labels:




IL VALORE DEI SOLDI

Pubblicato da FLAVIO |



A volte quando si legge una rivista , alcuni articoli sfuggono.
Ed è così che magari , a distanza di mesi,
una rivista ti ricapita in mano,
e risfogliandola ti trovi a leggere degli articoli
non ancora letti.

Proprio come l'altro giorno , che mi capita a tiro
un numero di Gennaio di Vanity Fair ,
con all'interno un'intervista a Pietro Taricone.

L'intervista si snoda sui più svariati argomenti.
Parlando di una causa vinta in tribunale ,
ma da cui non avrà benefici econimici Taricone esordisce con
" non mi interessano i soldi , ho capito che è altro che conta "

Sussulto ... mi stupisco , strabuzzo gli occhi ....

Che ci sia un solo elemento , e dico uno
che uscito dalla casa è tornato ad essere comune mortale.

Il giornalista incalza ... ma davvero ?
i soldi non le interessano più ?

Assolutamente no , anzi , Pietro confida che
ha in corso il mutuo della casa da pagare ...

I miei occhi sberluccicano per la commozione ...

Per un pò di anni ne avrà ancora ,
deve ricoprire i 600000 euro del mutuo ...

Stooooooooooooooop ! Pause ! Rewind !

600000
Un sei davanti seguito da 5 zeri
se volete semplifico : 600mila euro ...

Ma a lui i soldi non servono l'ha detto poco prima ,
anzi li schifa addirittura ...

poi l'intervista prosegue e Pietro confida che vuole
battersi in campo politico per tutti i lavoratori.
Vorrebbe un salario minimo garantito per tutti di 800 euro mensili.

Questa volta si che estraggo i Kleneex
dalla confezione e asciugo i lacrimoni
la commozione si impadronisce di me ...
per il tempo di due righe.

Perchè per gli attori , che fanno un lavoro flessibile
vorrebbe un minimo garantito di 4000 euro al mese ...

Tanto a lui i soldi fanno schifo ....

Ora egregio signor Taricone ,
io il mio spassionato augurio è che da domani mattina
lei debba alzarsi per fare 14 ore in fabbrica
conscio del fatto che comunque vada probabilmente
a fine mese perderà il posto ,
e la sua famiglia verrà sfrattata dalla casa camera e cucina
presa in affitto perchè non riuscirete più a pagare le rette.

Anzi no , la faccio commuovere io signor Taricone

le auguro che la sua casettina da 600mila euro le entri
sia per lungo che per largo dove non batte il sole ,
lo spero perchè quando leggerò la notizia
potrò nuovamente commuovermi leggendo di lei ...


Labels:




PICCOLA GAIA DIVAGAZIONE SULLA LEGA

Pubblicato da FLAVIO |






Nella vita ci sono due cose che non si devono provare :
i culattoni e la droga
( Renzo Bossi su Vanity Fair )


Qualcuno spieghi alla trota che non corre nessun pericolo.
I culattoni , come li chiama lui

amano il cazzo
non le teste di cazzo !


Labels: , ,











Perchè girando sul web così come purtroppo nella vita reale ,
può accadere di incappare in singolari personaggi ,
ogni uteriore commento è di troppo ,
d'altronde come il grande italiota in questione sostiene

Una cosa è reale e sostenibile solo se lo dice la tv.

Povera Italia !


Labels: , ,




E CHI SE NE FREGA

Pubblicato da FLAVIO |



E' morto un grande artista , Raimondo Vianello ci ha lasciati.

Un uomo che in realtà era tanti uomini tutti assieme ,
come solo a chi ha una certa età può accadere.

Perchè in fondo nessuno è oggettivamente ciò che è ,
ma è solo ciò che gli altri ricordano.
Per chi ha la mia età Raimondo è stato il contenitore delle
domeniche pomeriggio, quando i programmi spazzatura
ancora non esistevano ,
è stato il compagno di Sandra ,
quello Sbirulino che ha cullato la nostra infanzia.

Poi solo dopo Sandra e Raimondo hanno rappresentato una famiglia ,
la tipica famiglia italiana.
E non a caso , secondo un sondaggio ,
proprio pochi anni fa sono stati eletti come nonni ideali degli italiani.

Proprio loro che figli e nipoti non ne hanno mai avuti ,
se non quelli adottivi che sono stati e restano la loro famiglia.

E' morto un grande artista ,
e l' Italia come al solito sembra essersi instupidita.

Centinaia di link sul solo facebook in ricordo di Raimondo.
ma se provassimo a chiedere a quelli che hanno creato quei link
sull'onda emozionale un solo titolo di un film con Raimondo
troveremmo il silenzio intervallato dai tasti della loro tastiera
che freneticamente per uscire dall'impaccio cercano su google
una qualsiasi risposta.

E' vero , è morto un artista , ma è anche morto un uomo
e di uomini ne muoiono tanti, tutti i giorni.

E quello che mi lascia l'amaro in bocca è che molti di quelli
che in questi giorni piangono Raimondo , conosciuto eslusivamente
attraverso la tv , siano poi gli stessi che lasciano i genitori anziani in mano
alle badanti , o abbandonati in case di riposo , perchè è troppo complesso
seguire un anziano , costa fatica e tempo , e di tempo non ce n'è ...

Lo troviamo quando un personaggio famoso muore ,
e ci imbamboliamo di fronte alla tv.

E perdiamo il senso delle cose , anche di quelle più ovvie.

Raimondo in gioventù era iscritto e attivo militante alla Repubblica di Salò -
E chi se ne frega , abbiate rispetto , è morto un uomo

Raimondo è stato il primo divulgatore e sostenitore della propaganda a Berlusconi -
E chi se ne frega , abbiate rispetto , è morto un uomo

E poi ancora i funerali farsa , trasformati in spettacolo raccapricciante
dove il presidente del consiglio , a favor di telecamere sosteneva Sandra
e l'italiano medio osservava in tv pensando " quanto è bravo Silvio "
E chi se ne frega , lo spettacolo deve andare avanti

Funerali dove un Pippo Baudo esorta una povera vedova
in preda ad una grave malattia degenerativa ad urlare
il nome del marito chiuso in una bara
E chi se ne frega , lo spettacolo deve andare avanti

E poi le centinaia di persone che applaudono
...

Sarà il mio conflittuale rapporto con la morte ,
l'intimità con cui credo dovrebbe essere vissuto un funerale
e soprattutto la conoscenza della storia , quel minimo di cultura che mi fa
ricordare che l'applauso aldifuori dei teatri anticamente si usava
per coprire gli urli degli eretici arsi vivi.

Che mancanza di stile applaudire un morto
che mancanza di stile usare una povera vedova per fare propaganda
che mancanza di classe mancare di rispetto ad morto
che nulla avrebbe voluto di tutto questo.

Perchè da tempo Raimondo stava male ,
da tempo aveva deciso di non comparire in tv.
Da 15 giorni era ricoverato in ospedale
senza che nessuno lo sapesse.

E forse sarò l'unico che durante i funerali ho pensato
che avrei abbattuto Berlusconi con una carabina
e che lo stesso avrei fatto con Pippo Baudo.

Forse sono l'unico ad aver pensato
" perdonali Raimondo , perchè non sanno quello che fanno "

perchè la morte , i funerali , soprattutto se non di stato
dovrebbero essere personali , profondi , sentiti

Raimondo ha fatto spettacolo per tutta la vita
sarebbe stato meglio evitargli di farlo anche da morto.

Ma chi se ne frega ,
L'italiano medio vuole questo , vuole vedere il dolore di
una povera vecchia malata al funerale del marito ,
e di quei vecchi chiamati mamma e papà assistiti dalla badante
chi se ne frega , quelli mica stanno in tv .....


Labels:




ED E' UN ANNO

Pubblicato da FLAVIO |



Ed è un anno , ma è come se fosse ieri

la terra che trema , si apre , inghiotte le case
ma soprattutto le persone , il futuro ...

Ed è un anno da quando la terra in Abruzzo ha fatto sentire
che è lei la padrona.

E io lo ricordo davvero come se fosse ieri.
perchè più o meno a quest'ora ( 23.00 ) qualcuno in Emilia
sentì una scossa di terremoto. Una scossa molto forte.
Quasi da non credere.

Ma il peggio doveva ancora arrivare , non molto distante da lì.
Perchè è nella notte che l'Abruzzo trema come non mai
e tutte le città e i paesi assomigliano a pezzi di domino
che crollano su se stessi.

E per chi come me è lontano , solo il mattino
farà chiarezza sulla tragedia immane.

I telegiornali fissi in diretta , e internet impazzito , nel rincorrersi di voci.

Lo ricordo come se fosse ieri , perchè proprio su internet avevo
un folto gruppo di contatti , e a modo mio ho provato cosa vuol dire black out.

Cosa vuol dire sapere che è successo qualcosa , ma non sai a chi e in che modo.
Poi pian piano i miei contatti sono ricomparsi , uno ad uno , in maniera composta
anche solo attraverso il passaparola.

Qualcun'altro non ha avuto la mia fortuna , e a distanza di un anno
aspetta ancora giustizia e calma per il suo dolore.

E c'è chi ancora aspetta una casa , ancora spetta e aspetterà ...
mentre aldilà del muro qualcun quella notte rideva a crepapelle
pensando ai milioni di euro dei nuovi appalti.

Qualcuno rideva , mentre le mamme cercavano di portare in salvo i bambini.
Mentre la casa dello studente crollava , portando via con se giovani vite.

Più di 300 bare e qualcuno rideva ...

Ad un anno dal terremoto in Abruzzo , l'Italia ricorda , ancora attonita.

Anche so solo chi abita nelle zone del sisma sa davvero cosa è stato , cosa è
e cosa sarà quel terribile terremoto.

Pochi attimi in cui la terra trema e si porta via tutta la tua vita ....



Labels: ,




TUTTA COLPA DEI GRILLINI

Pubblicato da FLAVIO |



Ed eccoci qui , come tutte le volte che si vota

I vincitori scendono a stappare bottiglie di champagne in piazza
I perdenti cercano qualcuno a cui dare la colpa.

perchè è più facile pensare che sia colpa di qualcun'altro ,
che noi non abbiamo colpe ,
che la nostra lotta è stata impeccabile.

E più la sconfitta sembra cocente , più la ricerca di un colpevole si fa serrata.

Non ci stupiamo della vittoria della Polverini ,
in una regione a stampo chiaramente fascista la vittoria
dello schieramento del centro-destra era abbastanza scontato.

E ovviamente non ci si stupisce della vittoria delle Lega in Veneto,
regione di imprenditori padani che gongolano sentendo le parole di Bossi.

Ma è in Piemonte , mia regione , che si resta interdetti, allibiti , basiti.
La roccaforte rossa crolla , e si tinge di verde eleggendo Roberto Cota.
Di poco , neanche un punto percentuale pieno.
Una risicata di voti ... ma di chi è la colpa ?

Facile : è tutta colpa dei Grillini.
Colpa di chi ha disperso il voto votando il movimento di Grillo.

Non è di certo colpa di un candidato PD impresentabile ,
non è colpa di un governo quinquennale a dir poco vergognoso ,
dove i soldi sono stati concentrati su Torino per le olimpiadi invernali del 2006
dimenticandosi di tutte le altre province.

Non è colpa delle Bresso, talmente sicura e piena di se da dover ripetere
ogni volta ai cittadini che protestano che " a me non interessa quello che pensate ".
Non è colpa della Bresso che , presentandosi a fare comizio elettorale in paesi che saranno distrutti dalla TAV risponde proprio sulla TAV che non è lei che vuole l'alta velocità
ma è l'Europa che ce lo impone.
E una volta sbugiardata risponde : " non intendo parlare di questo argomento "

Non è colpa del PD se Torino è la città più indebitata di Italia ,
con un buco di 50 milioni di euro spariti misteriosamente durante Torino2006.
Non è colpa del PD se Torino si ritrova con eco-mostri
costruiti a tempo record e ora inutilizzati che crollano a pezzi.

E certo ... La colpa va cercata altrove.

Tutta colpa dei grillini , che hanno sottratto voti alla Bresso.

poco importa se quegli stessi elettori sono forse stati gli unici
che mettendosi una mano sulla coscienza hanno pensato
che forse sarebbe ora di svecchiare la politica ,
che forse c'è un' alternativa
tra una persona invotabile e una ancor meno.

Colpa di chi , volendo avere il sacrosanto diritto di votare
non ha voluto favorire ne uno ne l'altro.

Non è colpa di una sinistra inesistente , spezzettata in mille partitini.

E' tutta colpa dei grillini ...

Perchè siamo in Italia , e la colpa è sempre di qualcun'altro !


Labels: ,




Cerca nel blog

Online da
giorni!
Preleva

ETICHETTE

COMMENTI PIU' RECENTI