GIOCO DEL MARTEDI' - LE INSIDIE

Pubblicato da FLAVIO |


Le Insidie - Invisible Gauntlet


Un pavimento invisibile e pieno di insidie, e 30 livelli da superare in quella che non si prospetta come una semplice passeggiata. :)
Obiettivo del gioco è raggiungere l'uscita di ogni livello (indicata da una spirale), cercando di attraversare l'intero percorso senza precipitare dentro le buche o venire schiacciati da qualche insidia!
Grazie alle sfere magiche presenti nel quadro, passandoci sopra potrete rendere visibili le insidie nascoste, poi spetterà alla vostra memoria accompagnarvi fino all'uscita.

Per muovervi utilizzate i tasti WASD, mentre per visualizzare la griglia del percorso e facilitare il vostro cammino premete la SPACEBAR.




Labels:




IL TEST DELLA VASCA

Pubblicato da FLAVIO |


Ad Alex e Marco che studiano nel settore

Durante una visita guidata in un reparto psichiatrico, il visitatore domanda al primario:
" Quale metodo usate per capire se il paziente necessita di un ricovero? "

Questi gli risponde:
" E' molto semplice. Riempiamo una vasca da bagno con acqua. "


Poi diamo al paziente un cucchiaio, una tazza ed un secchio, e gli diciamo di svuotare la vasca"




"Ah, capisco " dice il visitatore
" Una persona normale ovviamente usa il secchio
perchè è piu' grande della tazza e del cucchiaio! "








" Sbagliato " risponde il primario
" Una persona normale tirerebbe il tappo."


" Gradisce una stanza con vista? "

Sapevi la risposta giusta o hai bisogno anche TU di una stanza?


Labels:




LA SEDIA ELETTRICA IN GIOSTRA

Pubblicato da FLAVIO |




Un euro e 30 secondi del proprio tempo
Ecco il costo del nuovo divertimento che arriva direttamente da Las Vegas.
Un euro e 30 secondi del proprio tempo
Ed ecco che all'interno di un luna park dell'idroscalo di Milano era possibile assistere alla morte in diretta.
Un euro e il fumo si alza dalla sedia a cui è incatenato un manichino in lattice.
Manichino che rappresenta un condannato a morte.
La sedia è una sedia elettrica.
dopo il fumo partono le scariche,
il manichino si piega su se stesso, sbalza ripetutamente sulla sedia poi si accascia in avanti.
Un altro euro e il manichino torna dritto ... altro fumo, altre scosse ... altre scariche.
Altri 30 secondi di morte in diretta.
Sono bastati meno di 3 giorni, a far vincere la battaglia dell'associazione
" Nessuno tocchi Caino ", meno di 3 giorni per far scomparire sotto un telo quel manichino attaccato alla sedia, arrivato direttamente dagli USA per 50mila euro.

Il titolare della giostra si difende : " E' un gioco come un altro "
altri ribattono : " La morte non va spettacolarizzata "
E il giudice ne decide il sequestro.
Proteggiamo i bambini dalla quella vista, da quel manichino che muore una volta al minuto,
cancelliamo l'orrore dai loro occhi ...

O forse cancelliamo l'onta dalla nostra coscenza.
Perchè ho l'impressione che togliere quel manichio sia solo pura isteria collettiva
e pura ipocrisia.

A chi ha gridato allo scandalo chiedo di eliminare dalle camerette dei figli tutti i videogiochi,
e intendo tutti, pacman compreso ( povera pallina ingoiata viva da un fantasma )
e poi comincino a non guardare più film fantasy, fim di guerra, film dell'orrore,
perchè è vero , la morte non va spettacolarizzata, ma questa deve essere regola generale.

Chi si indegna di fronte ad una morte finta dovrebbe farlo ogni volta che si trova davanti a questa, non solo quando fa comodo.

Forse le cose da eliminare sarebbero altre,
le vere sedie da togliere sarebbero quelle reali,
su cui migliaia di persone ogni anno muoiono davvero giustiziate da mano umana.

A chi con cinismo ha urlato lo scandalo ...
spegnete la tv dal 9 agosto in avanti,
non guardate le olimpiadi, ricordate che il paese che le ospita, la Cina
è uno dei paesi in cui vige la pena di morte.

Invece sarete tutti ancora lì, attaccati alla tv
con i vostri figli davanti al pc che tramite videogioco uccidono vampiri

Ma tanto è solo un gioco, direte voi ....

Lo era anche la giostra della sedia elettrica .....
E forse , per una volta, valeva la pena aprire gli occhi per capire
per guardare
per scoprire
in che modo, in molte parti del mondo,
certi uomini sono costretti a morire ...

IPOCRITI !


Labels: ,




SEGRETERIA TELEFONICA

Pubblicato da FLAVIO |


Grazie per aver chiamato l’Istituto Psichiatrico di Salute Mentale.
Se è ossessivo o compulsivo prema ripetutamente fino allo spasmo il tasto 1

Se è affetto da personalità multipla prema alternativamente i tasti 2 3 4 5 6 7 8

Se è paranoico la informiamo che sappiamo già chi è lei, cosa fa nella vita e cosa vuole da noi quindi rimanga in linea finché non rintracciamo la sua chiamata

Se soffre di allucinazioni prema il tasto 7 del grande telefono rosa che lei e soltanto lei vede alla sua destra

Se è schizofrenico chieda gentilmente al suo amico immaginario di premere per lei il tasto 8

Se soffre di depressione non importa quale tasto prema tanto non c’è niente da fare, il suo è un caso disperato e non ha cura

Se soffre di amnesia prema in rapida sequenza i tasti 2 5 9 7 5 4 1 6 3 9 2 9 7 5 1 6 3 5 e ripeta ad alta voce nell’ordine che segue il suo nome, cognome, numero di telefono di casa e del cellulare, indirizzo e-mail, numero di conto corrente, codice bancomat, data di nascita, luogo di nascita, stato civile e cognome da nubile di sua nonna; se soffre di indecisione lasci il messaggio prima, dopo e durante il bip

Se soffre di amnesia temporanea di breve durata prema zero
se soffre di amnesia temporanea di breve durata prema zero
se soffre di amnesia temporanea di breve durata prema zero
se soffre di amnesia temporanea di breve durata prema zero

Se soffre di avarizia ossessiva le comunichiamo che questa telefonata ha un costo di circa
500 € al minuto

Se soffre di bassa autostima rimanga in attesa, tutti i nostri operatori sono al momento impegnati a rispondere a persone molto più importanti di lei


Se è uno di quegli italiani che alle elezioni ha votato Berlusconi riagganci.
Qui curiamo i matti non le teste di cazzo.
Grazie e a risentirci…


Labels:




BAMBOLA ... MIO MALGRADO

Pubblicato da FLAVIO |


Io sono una bambola,
ovviamente non per mia scelta
forse per me ha scelto il destino ...

due occhi per non vedere
una bocca per non parlare
due orecchie per non sentire ...

Sono bella, molto bella
come quando mi costruirono
come quel giorno in cui divenni bambola

Non scelsi di diventarlo
una macchina più grande e più potente decise per me
da quel giorno sono stata adagiata su un letto
e molte persone passano a guardarmi
Giornalmente qualcuno mi pettina,
mi lava
mi sistema sul letto in posizioni diverse
e mi parla anche ...

peccato non poterlo sentire ....

Da quando sono bambola tutto sembra essere cambiato
non sento dolore
non sento ansia
nessuna amarezza

Ogni giorno la luce del sole che filtra dalla finestra mi illumina il viso
e tutte le persone che vengono a guardarmi dicono che sono bella

Da pochi giorni ho saputo che presto mi distruggeranno
facendomi morire di sete
altri invece dicono che non sentirò nulla.

semplicemente la bambola smetterà di esistere
e nessuno dovrà più prendersene cura.

Nessuno, allo stremo delle forze
con la pioggia o la neve
con l'afa o con la brina
dovrà correre ad aprire le persiane per illuminarmi
a rifare il letto su cui sono poggiata
Nessuno dovrà pettinarmi per farmi sembrare una bella bambola

Io non so cosa sarà di me ...

Ma so che tra tutti i desideri che avrei potuto esprimere
il diventare bambola non era compreso

Sia quel che sia, io non ho scelto ...

E se avessi potuto farlo avrei scelto il nulla

Lascio che mio padre distugga come desidera ciò che resta della figlia trasformata in bambola
sapendo che per lui sono e sarò sempre nel suo cuore come Eluana.


Labels: ,




STRAGE MOLINO CORDERO

Pubblicato da FLAVIO |


16 Luglio 2007 - 16 Luglio 2008
Strage sul lavoro di Molino Cordero


Le vittime:
Mario Ricca, 44 anni
Massimiliano Manuello, 43 anni
Marino Barale, 38 anni
Valerio Anchino, 44 anni,
Antonio Cavicchioli, 51 anni.

Perchè bruciare vivi sul luogo di lavoro non diventi abitudine.
perchè non esiste solo la Thyssen

perchè le urgenze sono queste ...
altro che riforma sulla giustizia
altro che intercettazioni
altro che impronte ai bambini rom.

In un paese civile
non si può lavorare per vivere e morire per lavorare

Vergogna. Non dimentichiamoli !


Labels: ,




FERROVIE NELLA BUFERA

Pubblicato da FLAVIO |



Ovviamente, come tutte le estati, ci risiamo.
scandalo ferrovie, nuovamente zecche sui vagoni.
Il terremoto parte dalle colonne de il " Corriere della sera " in cui sono direttamente i capitreno a fare la loro denuncia, attraverso le segnalazioni ufficiali effettuzte dall'autunno 2007 ad oggi.
Tra le più eclatanti : " Padova: il capotreno segnala presenza insetti (presunta zecca) nel compartimento 1 di servizio nella tratta Padova-Vicenza. Il compartimento è stato posto fuori servizio, nessuna segnalazione da parte dei viaggiatori "
Quindi alla fin fine, non si capisce bene perchè, appena la gente si muove un pò di più, i giornali devono lanciare benzina sul fuoco.
La cosa è ancora più "grave" perchè proprio in questi giorni le ferrovie annunciano rincari dele tariffe sui treni a lunga percorrenza.
Pertanto, i treni saranno : in ritardo, sporchi e cari.

Ma questo, ovviamente fa notizia solo in estate.
Ma i lor signori sanno che i treni vengono usati anche in inverno, sanno che ci sono lavoratori e studenti pendolari ?
perchè non ne parlano anche di inverno ?

E' messo peggio chi per obbligo deve spostarsi su vagoni lerci, accumulando ritardi al alvoro e a scuola, o chi, beato lui va in vacanza ?

Stai partendo ? bravo ! rilassati e taci ! E pensa a chi sta a casa mentre tu ti arrostisci le chiappette al sole ....


Ultimamente ho preso due treni per un breve percorso.
La tratta era Torino-Milano, il treno un regionale.
Uno di quei nuovi treni a due piani, aria condizionata, sedili comodi, presa dalla corrente sulla parete, display luminoso che indica ora, destinazione, velocità del treno, temperatura interna/esterna ed eventuali ritardi.
Gli scompartimenti, puliti a tal punto che ci si potrebbe mangiare sul pavimento divisi da porte scorrevoli che si aprono pigiando un pulsante.
Bagni funzionanti e puliti
( almeno nella prima parte del viaggio, poi sta ai fruitori mantenerli tali ).

Sogno o realtà ? caso ? fortuna ?

I treni sono anche questo .... ma non fanno di certo notizia.


Labels: ,




GIOCO DEL MARTEDI' - STAGISTA

Pubblicato da FLAVIO |


Vita da Stagista


Direttamente dal pazzo mondo di Boris, se pensate che la vita da stagista sia una passeggiata, cimentatevi in questo gioco d'abilità e scoprirete quanto sia difficile andare avanti, giorno dopo giorno!
Potrete scegliere la modalità 'un giorno da stagista' in cui dovrete riuscire a portare a termine alcune mansioni, dalle fotocopie alla pulizia, alla cura del pesciolino, al caffè per il capo, oppure optare per la versione 'una vita da stagista' in cui dovrete continuare a giocare fino a quando non commetterete un errore.

Si gioca prevalentemente con le FRECCE Direzionali, ma ogni livello di gioco vi darà le giuste indicazioni.

A fine partita vi sarete meritati qualcosa? Giocate per scoprirlo... ;-)




Labels:




LAICITA'

Pubblicato da FLAVIO |


FANTASTICA PARODIA DELLA PUBBLICITA' PROGRESSO SULLA LAICITA' INTERPRETATA DA PAOLA CORTELLESI


Labels:




ELUANA LIBERA

Pubblicato da FLAVIO |



Era il 18 gennaio 1992 quando Eluana Englaro, a seguito di un incidente stradale
fu attaccata ad una macchina che le permette di nutrirsi e di vivere in maniera del tutto artificiale.
16 anni di lotte a forza di carte bollate, processi, corsi e ricorsi.
Da parte di un padte, che giorno dopo giorno ha amorevolmente assistito il corpo della figlia,
in nome di quella stessa figlia che in vita, aveva più volte fermamente dichiarato di voler morire in caso di coma vegetativo.
16 anni di lotte, in un paese tra le 8 più grandi potenze mondiali che nega, in nome di non si capisce bene cosa la libertà più indispensabile : quella di morire.
Ma finalmente, ieri, la corte d'appello civile di Milano ha autorizzato la sospensione del trattamento dichiarando che si tratta di una decisione inevitabile, data la ormai conosciuta ferma volontà della ragazza di non essere tenuta in vita in stato vegetativo, e il protrarsi della situazione clinica.
Il padre della ragazza, che non ha mai parlato di eutanasia ma di libertà si è chiuso in casa e con il curatore ufficiale, l'avvocato che l'ha affiancato in questa causa, penserà se e quando staccare il sondino che tiene in vita la ragazza.
Infatti, per quanto la sentenza dichiari che l'azione di sospensione delle macchine possa avere effetto immediato, c'è la possibilità che la procura faccia ricorso entro i 60 giorni stabiliti dalla legge.
Da parte della chiesa, ovviamente, ci sono subito state dichiarazioni molto forte e dure.
Si definisce la decisione dei magistarti come inammisibile e contraria al rispetto della vita e del suo valore.
E chiede che la procura impugni la sentenza seduta stante.

La morte della ragazza dovrà seguire delle istruzioni precise, scelte dalla corte ed illustrate nell'ultima pagina della sentenza :
Nel paragrafo intitolato "disposizioni accessorie cui attenersi in fase attuativa", i giudici scrivono: "(...) in accordo con il personale medico e paramedico che attualmente assiste o verrà chiamato ad assistere Eluana, occorrerà fare in modo che l'interruzione del trattamento di alimentazione e idratazione artificiale con sondino naso-gastrico, la sospensione dell'erogazione di presidi medici collaterali (antibiotici o antinfiammatori ecc.) o di altre procedure di assistenza strumentale avvengano in hospice o altro luogo di ricovero confacente. (...) Durante il periodo in cui la sua vita si prolungherà dopo la sospensione del trattamento e in modo da rendere sempre possibili le visite, la presenza e l'assistenza, almeno dei suoi più stretti familiari".

Sentenza quindi, destinata a fare scuola anche nell'ottusa Italia governata ancora troppo dalla chiesa e dal Papa.

Ai cattolici contrari all'eutanasia, e ai preti, da buon NON cattolico quale sono, auguro solamente di rimanere in stato vegetativo quel tanto che basta a far capire loro cosa si deve provare a
"non vivere "

Addio Eluana, ora sei libera !


Labels: , ,




I 2 VASI

Pubblicato da FLAVIO |


Un'anziana donna cinese aveva due grandi vasi,
ciascuno sospeso all'estremità di un palo che lei portava sulle spalle.
Uno dei vasi aveva una crepa, mentre l'altro era perfetto,
ed era sempre pieno d'acqua alla fine della lunga camminata dal ruscello a casa,
mentre quello crepato arrivava mezzo vuoto.
Per due anni interi andò avanti così, con la donna che portava a casa solo un vaso e mezzo d'acqua.
Naturalmente, il vaso perfetto era orgoglioso dei propri risultati.
Ma il povero vaso crepato si vergognava del proprio difetto, ed era avvilito di saper fare solo la metà di ciò per cui era stato fatto.
Dopo due anni che si rendeva conto del proprio amaro fallimento, un giorno parlò alla donna lungo il cammino:
"Mi vergogno di me stesso, perché questa crepa nel mio fianco
fa sì che l'acqua fuoriesca lungo tutta la strada verso la vostra casa".
La vecchia sorrise: "Ti sei accorto che ci sono dei fiori dalla tua parte del sentiero, ma non dalla parte dell'altro vaso?
È perché io ho sempre saputo del tuo difetto,
perciò ho piantato semi di fiori dal tuo lato del sentiero ed ogni giorno,
mentre tornavamo, tu li innaffiavi.
Per due anni ho potuto raccogliere quei bei fiori per decorare la tavola.
Se tu non fossi stato come sei, non avrei avuto quelle bellezze per ingentilire la casa".
Ognuno di noi ha il proprio specifico difetto.
Ma sono la crepa e il difetto che ognuno ha a far sì che la nostra convivenza sia interessante e gratificante.
Bisogna prendere ciascuno per quello che è e vedere ciò che c'è di buono in lui.
Perciò, miei "difettosi" amici, buona giornata
e ricordatevi di annusare i fiori dal vostro lato del sentiero
e non dimenticate l'amico "Difettoso" che è accanto a voi.


Labels:




GIOCO DEL MARTEDI' - IL BOTTONE ROSSO

Pubblicato da FLAVIO |


Il Bottone Rosso - Button Hunt


Un originale, simpatico gioco che metterà alla prova le vostre doti intellettive e pratiche, e che vi sfiderà, in ogni quadro, a premere un bottone rosso.
L'obiettivo sembra semplice, ma non sempre il bottone sarà visibile e spesso ci saranno degli ostacoli che vi impediranno di premerlo: e allora andate alla sua ricerca, scovatelo nel gioco, superate le difficoltà con il ragionameno e l'abilità, risolvete gli enigmi, e cercate in ogni modo di premere il pulsante.

Per giocare dovrete semplicemente utilizzare il MOUSE... e un po' di cervello!  :)
E se proprio non saprete come andare avanti, premete la lettera H in alto a sinistra e un piccolo suggerimento verrà in vostro aiuto.





Labels:




STORIE ITALIANE - FRANCA VIOLA

Pubblicato da FLAVIO |



Ci sono persone che fanno la storia e finiscono sui libri,
altre che la storia la scrivono ugualmente, con piccoli ma sovraumani gesti
e giacciono dimenticati sotto la polvere dei ricordi.

Una di queste persone è stata Franca Viola, nata ad Alcamo nel 1947.
All'età di 17 anni, questa ragazza venne rapita da uno spasimante respinto e da 12 suoi amici.
La ragazza venne tenuta segregata e violentata per 6 giorni fino alla liberazione.
Seconde le regole morali dell'epoca, una donna uscita da questa situazione,
e quindi non più vergine, avrebbe dovuto sposare il suo rapitore per " riparare " il danno
onde evitare il disonore per sè e tutta la sua famiglia.

L'articolo 544 del codice penale avallava il codice d'onore considerando lo stupro un atto contro la morale e non contro la persona.
Secondo questo articolo del codice, l'accusato di delitti di violenza carnale, anche su minorenne, avrebbe avuto estinto il reato nel caso di matrimonio con la persona offesa.

Contrariamente a quella che era la prassi usuale, Franca Viola non accetterà il matrimonio riparatore. Suo padre, contattato da emissari durante il rapimento, fingerà di acconsentire alle nozze, preparando con i carabinieri di Alcamo una trappola. Quando il rapitore rientrò in paese, con i suoi amici e la donna, i primi furono tutti arrestati dai carabinieri.

Subito dopo il fatto, tutta la famiglia Viola, che aveva contravvenuto alle regole di vita locale fu soggetta ad intimidazioni, il padre Bernando venne minacciato di morte con una pistola, la vigna rasa al suolo ed il casolare annesso bruciato.

Il caso sollevò immediatamente forti polemiche in Italia e fu oggetto di numerose interpellanze parlamentari. Durante il successivo processo la difesa tentò invano di screditare l'immagine della ragazza, sostenendo che avesse acconsentito alla "fuitina", ossia una fuga d'amore per mettere il padre di lei di fronte al fatto compiuto ed avere il consenso per un matrimonio riparatore, come era localmente ancora in uso a quei tempi.

Filippo Melodia verrà condannato a 11 anni di carcere.

Franca Viola diventerà il simbolo di libertà e dignità, in Sicilia, per tutte quelle donne che dopo di lei subirono le medesime violenze ed ebbero, dal suo esempio, il coraggio di "dire no" e rifiutare il matrimonio riparatore.

Franca Viola si sposò nel 1968, con Giuseppe Ruisi, un giovane lavoratore dipendente, con il quale si era fidanzata dall'età di 14 anni e che insistette per sposarla, nonostante lei cercasse di distoglierlo dal proposito per timori di rappresaglie. La coppia ebbe tre figli: si trasferì a vivere a Monreale per i primi tre anni di matrimonio, per poi tornare ad Alcamo.

Sempre nel 1968 i due sposi vennero ricevuti dal papa Paolo VI in udienza privata come gesto di solidarietà.

Giuseppe Saragat, allora Presidente della Repubblica inviò il giorno del matrimonio un regalo di nozze per manifestare la sua, e degli Italiani, solidarietà e simpatia alla coppia.

Dopo sedici anni dal fatto, l'articolo 544 del Codice Civile sarà finalmente abrogato con l'articolo 1 della legge 442, emanata il 5 agosto 1981 che abolisce la facoltà di cancellare una violenza sessuale tramite un successivo matrimonio.

La donna attualmente è nonna di 3 nipoti e ha recentemente rilasciato delle dichiarazioni :

" Non fu un gesto coraggioso. Ho fatto solo quello che mi sentivo di fare, come farebbe oggi una qualsiasi ragazza ho ascoltato il mio cuore, il resto è venuto da sé."

" Oggi consiglio ai giovani di seguire i loro sentimenti; non è difficile. lo l'ho fatto in una Sicilia molto diversa; loro possono farlo guardando semplicemente nei loro cuori. "


Labels: , ,




TIGRI, AQUILE O AGNELLI ?

Pubblicato da FLAVIO |


Visto che non ho mai fatto un post con un test lo faccio adesso.
Andate subitissimo a questo indirizzo  http://www.paginainizio.com/test/comesiete/index.htm
e scoprite come siete

Questo simpatico Test vi aiuterà a scoprire le caratteristiche palesi e nascoste della vostra personalità, associandola ad uno dei seguenti tre animali rappresentativi di un profilo ben definito: Tigre, Agnello o Aquila. Al termine del test, composto da 10 domande, vi verrà illustrato in modo dettagliato il significato del vostro profilo.  
Volete sapere cosa mi è venuto fuori ?
Eh eh ehe , delfini curiosi ! 
Eccovi accontentati :
TIGRE

Siete forti, orgogliosi ed anche riflessivi tanto che sono veramente poche le persone che vi spaventano o incutono timore. Sapete affrontare la vita con impeto ma anche con paziente attesa. Il vostro spirito da leader spesso vi isola dal gruppo, anche se avete amicizie indissolubili e un forte senso dell'onore. Generosi ed egocentrici, fate della competizione leale il vostro stile di vita, anche se non disdegnate le pause e l'amicizia intelligente.
Probabilmente avete il solo difetto di essere volubili e cambiare idea con troppa facilità...


Labels:





Ragazze preparate l'abito,
ragazzi abito e parrucca. Quest'anno si va al ballo delle debuttanti a Vienna.
Perchè non serve più avere sangue blu o essere raccomandate.
No, no, no ... antiquati che non siete altro.
Giurassici di primo pelo.
Da quest'anno si cambia.
Se volete andare al ballo dovete passare sotto le grinfie di Maria de Filippi.
Perchè sta per essere varato il nuovo programma made " arraffo tutto io " in cui verranno selezionate delle partecipanti tutte rigorosamente tra i 18 e i 23 anni che a forza di pianti davanti alle telecamere, spintoni dietro le quinte e finti svenimenti in diretta si batteranno per coronare il loro sogno :
essere presenti al ballo delle debuttanti che si tiene a Vienna.
La Maria nazionale è qui in veste solo di produttrice, in quanto il programma sarà condotto da Rita Dalla Chiesa affiancata dal maestro di ballo Garrison ...
E pensare che io mi aspetto sempre una tv innovativa e piena di giovani.
Poi mi trovo Garrison che sgambettava in tutù quando io andavo alle elementari,
quindi a conti fatti sono passati 20 anni buoni buoni a dir poco,
Rita Dalla Chiesa che sembra più vecchia del giudice Santi Licheri
e Maria de Filippi che sono almeno 15 anni che governa canale 5.
La novità in realtà c'è ...
E se fino a questo momento la voglia di accendere la tv per guardare il programma era pari a zero
con l'ultima botta di vita è proprio scomparsa.
Perchè come ogni gara che si rispetti occorrono dei giurati e chi troviamo nella folta schiera ?
Indovina indovinello.
Ballo delle debuttanti, sangue blu .. 2+2=4
Ma certoooo ! Il principino Emanuele Filiberto di Savoia.

Se quello si intende di ragazze e di ballo io domani vinco il Nobel per la medicina.

Tenetemi la testa che vomito !

E non chiedetemi più ... MAI più perchè non guardo la televisione !


Labels: ,




SPAZIO GIOCO DEL MARTEDI'

Pubblicato da FLAVIO |


Neon Layers


Neon Layers è un originale e innovativo 'platform gravity game', in cui il vostro obiettivo sarà superare tutti i 25 livelli di gioco guidando una pallina fluorescente fino all'uscita di ogni quadro.
Per farlo dovrete accendere e spegnere le luci al neon delle piattaforme presenti, in modo da attivarle e disattivarle al momento giusto e secondo le vostre necessità.

I comandi di gioco sono semplici: premete il tasto 1 o cliccate sul bottone RED per accendere le luci rosse, premete il tasto 2 o cliccate sul bottone GREEN per accendere quelle verdi e, quando presente, premete il tasto 3 o cliccate sul bottone BLUE per accendere le luci blu; per resettare il livello usate invece la SPACEBAR.





Labels:




Cerca nel blog

Online da
giorni!
Preleva

ETICHETTE

COMMENTI PIU' RECENTI